CORVUS
Corvo
Sigla
Genitivo latino
Ubicazione
Visibilità completa
Estensione
Classifica 
Crv
Corvi
Emisfero Sud
Da 65° Nord a 90° Sud
184 gradi q.
70
Cartografo Tolomeo Anno 140  Phaenomena  KorakoV = Corvo
Origine e significato del nome 
Secondo la mitologia, il dio Apollo mandò un Corvo alla fonte con una Coppa (la vicina costellazione del Crater) per prendere dell’acqua purissima di cui voleva far dono a Giove. 
Il Corvo, durante il volo, vide un albero di fichi bellissimi, ma acerbi e si fermò per aspettarne la maturazione. Apollo si procurò l’acqua della sorgente ed il Corvo, quando i fichi maturarono, li mangiò tutti e per giustificarsi disse ad Apollo che un serpente gli aveva impedito di svolgere compiutamente il suo incarico e prese un serpente fra le zampe. Apollo indignato per le bugie condannò il Corvo a rimanere sempre nel cielo, assetato e vicino alla Coppa e gli collocò vicino il serpente che diventò (secondo questo mito) la costellazione dell’Idra.  
Si narra che il verso stridulo del Corvo, sia dovuto alla sete inestinguibile che gli aveva rinsecchito la gola.  
Per i Babilonesi era "L’uccello della grande tempesta" o "Uccello del deserto".   
I Romani chiamavano questa costellazione "l’uccello dei fichi" e "l’uccello sacro ad Apollo".   
Gli Arabi vi vedevano "Il trono della donna senza braccia", intendendo la Vergine che perse le ali fuggendo dalla Terra oppure "La groppa del vecchio Leone", in riferimento alla grande costellazione del Leone (per gli Arabi era molto più grande dell’attuale).
Informazioni astronomiche 
Costellazione distante dalla Via Lattea, ubicata a Sud di Virgo e a Nord dell’Hydra, ben distinguibile, perché le sue quattro stelle più luminose, ricordano la forma di una vela latina. 
Sull’allineamento fra le stelle Delta Corvi e Gamma Corvi (Gienah), quasi alla loro reciproca distanza oltre Gamma Corvi, si possono vedere, con un potente telescopio, due galassie interagenti NGC 4038 e NGC 4039, dette "Le antenne", perché le scie luminose, emanate dal loro punto di collisione, ricordano certe antenne di insetti. 
Riferimento Effemeridi Nautiche dell'Istituto Idrografico della Marina 
Appartiene a questa costellazione, 1 delle 66 stelle normalmente utilizzate per fare il punto nave : 
Nr.35 Gamma Corvi (Gienah).